In montagna sport per (quasi) tutti

In alta quota c’è chi passeggia, e chi corre per chilometri. Ma per rimanere attivi non servono sport estremi.
29/07/2014
  • Debora Serra
nordic walking

Immagine: 

fonte: www.scuolaitaliananordicwalking.it

Siete in partenza o già in vacanza in montagna, e volete rimanere in forma anche ad agosto? Bene, allora la camminata nordica è probabilmente quello che fa per voi. Conosciuta anche con l’espressione inglese nordic walking, questa disciplina - nata nei Paesi scandinavi e inizialmente praticata dagli atleti dello sci di fondo durante la preparazione a secco estivo-autunnale - è l’ideale per chi ama passeggiare e muoversi un po’ a stretto contatto con la natura. E oggi è diventata ormai un esercizio di fitness alla portata anche dei più sedentari.

Si tratta di una camminata praticata con l'ausilio di appositi bastoncini, simili a quelli per lo sci di fondo, utilizzati per spingere (e non come semplice appoggio) in modo da rendere il movimento più energico. Il nordic walking può essere praticato ovunque, tutto l’anno, a tutte le età, da soli o in compagnia, e senza limiti di tempo. Numerose le associazioni che propongono percorsi e corsi: tra queste, la Scuola italiana nordic walking, l’Associazione nordic walking Italia e l’Associazione nordic fitness Italia.

Camminate e salute
Anche la scienza, del resto, ne conferma i benefici per la salute. Per esempio, un’indagine condotta nel 2011 nel territorio della Asl Torino 4 dimostra come questo intervento sia utile per raggiungere i livelli di attività fisica raccomandati dall’Oms, specie se integrato con uno stile di vita attivo che consenta di camminare spesso e stare poco seduti. Ed è noto da tempo che l’esercizio fisico rappresenta uno strumento di prevenzione e cura del diabete. La Scuola italiana nordic walking ha attivato il progetto Nordic Walking Diab che, attraverso il coinvolgimento di alcuni Centri diabetologici italiani (Treviso, Trento, Roma, Verona e Perugia), ha realizzato un percorso di formazione che ha trasformato in istruttori alcuni pazienti diabetici, rendendoli in grado di collaborare direttamente con i responsabili dei centri. «Attualmente questa iniziativa è attiva a Perugia e Verona. In particolare, i centri diabetologici del territorio perugino hanno inventato una sorta di “ricetta a base di nordic walking” che permette di prescrivere ai diabetici l’attività fisica da svolgere attraverso, appunto, la classica ricetta medica. I pazienti, attraverso il pagamento del ticket, possono così partecipare alle uscite di nordic walking prescritte, come se stessero usufruendo di una “normale” prestazione sanitaria», spiega Paolo Cristofoletti, coordinatore italiano del progetto.

Esercizio fisico e mentale
I più allenati possono invece sperimentare il trail running, uno sport che porta la corsa sui sentieri in quota. Paolo Griselli, partecipante del Grand Trail Courmayeur, spiega che «questa disciplina è un mix di fiato, gambe e concentrazione che richiede un allenamento più mentale che fisico». Le corse organizzate in Valle d’Aosta, pur essendo suddivise in due livelli, sono infatti entrambe difficili da affrontare senza un allenamento costante. Le due diverse lunghezze, 90 e 60 chilometri, si sviluppano lungo i sentieri di montagna con dislivelli che arrivano, rispettivamente, a 6000 e 4000 mila metri e tempi di percorrenza che variano dalle 10 ore dei primi classificati alle 26 degli ultimi.

Sport da iron men?
«La sfida non si avverte, alla partenza si sta tutti assieme e può capitare di percorrere un bel tratto gomito a gomito con il vincitore finale della gara. Comunque, dopo i primi 10-15 chilometri la competizione sparisce e rimane solo la voglia di prevalere sulla fatica», racconta Griselli. Però anche questi iron men di montagna hanno famiglie che si preoccupano per loro. Ecco quindi l’applicazione per non far stare in pensiero i parenti: a ogni concorrente viene fornito un qr-code, un codice che permette di identificare i partecipanti quando volontari o curiosi postano sui social media le foto degli atleti. Attività fisica sì, ma senza rischi.

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • The Lexicon module will automatically mark terms that have been defined in the lexicon vocabulary with links to their descriptions. If there are certain phrases or sections of text that should be excluded from lexicon marking and linking, use the special markup, [no-lexicon] ... [/no-lexicon]. Additionally, these HTML elements will not be scanned: a, abbr, acronym, code, pre.
CAPTCHA
Sistema anti spam. Compila il form sottostante per dimostrare di non essere uno spambot.
Z
z
1
i
o
0
Inserisci il codice riportato SENZA gli spazi.
Nel tempo libero, Vita attiva e sport