A scuola in auto e scooter: ecco come si muovono gli studenti

Per andare a scuola, ogni mattina i ragazzi impiegano tanto tempo (25 minuti) e sono spesso costretti a usare macchina e motorino. A discapito di salute, ambiente e traffico.
12/02/2014
  • redazione
come si muovono gli studenti

Spesso a bordo di uno scooter o, quando l’età lo consente, alla guida di un auto. Pochi in bici, ancora meno a piedi. È così che si spostano i ragazzi per andare a scuola, secondo i risultati di una recente indagine realizzata da Legambiente ed Euromobility su un campione di oltre 5 mila studenti di Bologna, Carrara, Catania, Potenza, Ravenna, Roma, Torino e Venezia-Mestre. 8 città scelte in modo da rappresentare le diverse aree geografiche del Paese e le possibili tipologie di percorso: dalla scuola di quartiere raggiungibile in poco tempo come nel caso di Roma, all’istituto frequentato quasi esclusivamente da pendolari come a Potenza.

Scooter e auto in testa
I dati raccolti mostrano come già a 15-16 anni il ricorso a veicoli privati a motore si attesti intorno al 30%. Al crescere dell’età, aumenta anche l’uso di scooter e automobili, fino a raggiungere la percentuale di quasi il 40% a 19 anni e del 50% a 20 anni. In media, la distanza percorsa per coprire il tragitto casa-scuola è pari a 9 km: la più breve a Roma (poco più di 3,5 km), la più lunga a Potenza (quasi 17 km). E il tempo? La mattina serve quasi mezz’ora (25 minuti) per arrivare in classe: gli studenti di Roma ci mettono meno (11 minuti) grazie alla scelta della scuola di quartiere, mentre quelli di Torino impiegano più di tutti (33 minuti).

Carrara e Roma sono le città dove i ragazzi utilizzano più spesso i veicoli a motore, con percentuali prossime all’80%; è invece Venezia-Mestre il centro urbano dove piedi, bici e trasporto pubblico la fanno da padroni. La scelta ricade molto spesso sui mezzi pubblici anche a Torino, dove quasi 6 studenti su 10 salgono su bus, tram e treno. Agli antipodi la capitale dove, nonostante la scuola sia la più vicina tra quelle selezionate nell’indagine, i ragazzi scelgono i veicoli a motore ben 7 volte su 10. Lo scooter è il mezzo preferito da carraresi e romani, che primeggiano anche nell’uso dell’auto. Ravenna è la regina della bicicletta, mentre a Torino e Catania c’è anche chi va a piedi (circa il 10%).

Ne risente pure l’ambiente
La scelta del mezzo influisce sul traffico locale, ma anche sulla qualità dell’aria. Ne sono riprova le conseguenze sullo smog: le più elevate emissioni annuali di Pm10 per studente si riscontrano a Catania (133 grammi/anno) mentre, rispettivamente con 39 e 37 grammi/anno, Venezia e Ravenna sono le città meno inquinate. È comunque a Roma che si registra l’impatto ambientale maggiore (con 29 milligrammi emessi ogni chilometro percorso) a causa dell’uso prevalente di veicoli a motore. A Torino e Venezia si misura invece l’impatto minore (12 e 10 mg/km).

«Sebbene l’86% delle famiglie abiti a meno di un quarto d’ora a piedi da asilo, elementari, medie e superiori, almeno dieci milioni di persone scelgono di effettuare il tragitto in automobile, dando un contributo importante alla congestione, all’inquinamento e stimolando nei ragazzi un'abitudine allo spostamento motorizzato e a uno stile di vita poco attivo», dichiara Alberto Fiorillo, responsabile aree urbane di Legambiente. «Tra i giovani, la bicicletta e i mezzi pubblici non sono ancora una scelta consapevole e convinta. Progetti come questo provano quindi quanto sia importante formare in maniera attiva e concreta i ragazzi prossimi alla patente, per favorire una cultura della mobilità che aiuti a mantenere contenuta la tendenza tutta italiana a un uso smodato dell’automobile», sottolinea Lorenzo Bertuccio, direttore scientifico di Euromobility.

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • The Lexicon module will automatically mark terms that have been defined in the lexicon vocabulary with links to their descriptions. If there are certain phrases or sections of text that should be excluded from lexicon marking and linking, use the special markup, [no-lexicon] ... [/no-lexicon]. Additionally, these HTML elements will not be scanned: a, abbr, acronym, code, pre.
CAPTCHA
Sistema anti spam. Compila il form sottostante per dimostrare di non essere uno spambot.
i
I
i
I
i
a
Inserisci il codice riportato SENZA gli spazi.
Mobilità e trasporti, Vivere insieme, A scuola