Smart cities: Cnr e Anci insieme per città più vivibili e innovative

Un finanziamento consentirà a tre Comuni di puntare sulla sostenibilità energetica e ambientale, per migliorare la qualità della vita urbana. E intanto a Palermo si invoca la Santuzza…
15/07/2013
  • redazione
Smart cities

Un milione di euro per supportare nuove soluzioni dedicate alla sostenibilità urbana. Lo prevede il bando lanciato nell’ambito del progetto Cnr “Energia da fonti rinnovabili e Ict per la sostenibilità energetica”, frutto della collaborazione tra Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e Associazione nazionale comuni italiani (Anci). La scorsa settimana Luigi Nicolais (presidente Cnr) e Piero Fassino (presidente Anci) hanno firmato un accordo per la selezione di tre Comuni italiani da trasformare in vere e proprie smart cities: città “intelligenti”, grazie a un uso efficiente delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, una mobilità alternativa, più risparmio energetico e meno sprechi. L’obiettivo è utilizzare la rete elettrica pubblica per trasformarla in una rete-dati che, in virtù della sua capillarità, possa erogare diversi servizi: dal collegamento internet ad alta velocità con hot-spot wifi pubblici alla gestione automatizzata della sosta nei parcheggi, dal controllo del traffico al bilanciamento e alla razionalizzazione dei consumi di energia.

I requisiti per partecipare
C’è tempo fino al 9 agosto per i Comuni che vogliono aderire: la gara è rivolta ai capoluoghi di provincia con almeno 100 mila abitanti, i municipi medio-piccoli con meno di 7 mila abitanti e i centri turistici marittimi e montani di qualunque dimensione inclusi in un elenco stilato dall’Anci. Sono considerati requisiti preferenziali la presenza di zone a traffico limitato e di impianti di produzione di energie rinnovabili, mentre saranno esclusi i Comuni che non siano proprietari dell’impianto di illuminazione pubblica o che siano già stati finanziati dal ministero dell’Istruzione, università e ricerca (Miur) per analoghi progetti sulle smart cities.

A Palermo ci pensa la Santuzza
In questi giorni, intanto, sta avendo notevole eco e visibilità il lancio di un’iniziativa supportata proprio dal Miur per promuovere città più intelligenti. Si tratta di Muovity, la piattaforma social e interattiva di car pooling che vuole incentivare l’uso dell’auto condivisa per diffondere la mobilità sostenibile a Palermo. Come dichiarano gli stessi responsabili sul sito, «Muovity propone il car pooling come strumento efficace per incentivare la mobilità partecipata e superare i disagi di cittadini e pendolari che si spostano ogni giorno. Condividendo l’auto con gli altri utenti, diminuisce il traffico e l’inquinamento, si risparmia sul caro carburante e si conosce tanta nuova gente».

Innovazione sì, ma nel solco della “devozione” per una città così legata a riti e tradizioni come Palermo. È così che è nata “Santuzza liberaci da”, appello virale di Muovity con cui i palermitani stanno chiedendo l’“intervento” di Santa Rosalia per liberare la città da tutto quello che non va (l’hashtag di riferimento è #dilloallasantuzza). E subito è diventato un tormentone: in pochi giorni, più di 100 mila visualizzazioni e commenti sia su Facebook che su Twitter. Le richieste? In linea con il desiderio di creare una città più vivibile: dalla chiusura al traffico delle piazze storiche a un centro più pulito, con piste ciclabili e aree verdi, fino al rispetto di tutte le diversità, contro l’omofobia e il razzismo.

La piattaforma Muovity è un progetto dell'associazione Mobilita Palermo, che da oltre cinque anni sensibilizza e informa sui temi della mobilità alternativa. È finanziato dal bando Miur del 2012 “Smart cities and communities and social innovation”, per diffondere le buone pratiche della sostenibilità. “Muovity” pubblica anche un blog, per dare vita a una comunità interattiva: tra i contenuti più interessanti, le rubriche “bad and best practices” e “avventure di un pendolare” per rendere i cittadini i veri protagonisti del cambiamento.

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • The Lexicon module will automatically mark terms that have been defined in the lexicon vocabulary with links to their descriptions. If there are certain phrases or sections of text that should be excluded from lexicon marking and linking, use the special markup, [no-lexicon] ... [/no-lexicon]. Additionally, these HTML elements will not be scanned: a, abbr, acronym, code, pre.
CAPTCHA
Sistema anti spam. Compila il form sottostante per dimostrare di non essere uno spambot.
I
0
Z
n
o
O
Inserisci il codice riportato SENZA gli spazi.
Vivere in città, Progettare la città