Pedalando e camminando senza fretta

L’ultimo rapporto Aci-Istat sulla sicurezza stradale segnala un calo degli incidenti mortali per ciclisti e pedoni. Ma c’è ancora parecchio da fare per rispettare gli obiettivi fissati dall’Europa per il 2020.
19/01/2015
  • Samyra Musleh
sicurezza stradale

Sulle nostre strade si continua a morire di meno, anche se il calo di incidenti e decessi è più lento rispetto al passato. Miglioramenti per gli “utenti deboli”, ciclisti e pedoni prima di tutto, che però rappresentano ancora la metà delle vittime nei centri urbani. È un quadro in chiaroscuro quello delineato dal nuovo rapporto Aci-Istat sulla sicurezza stradale in Italia. Rispetto al 2012, il numero di incidenti scende quasi del 4%, quello dei feriti del 3%, mentre la flessione del numero delle vittime è del 10%. Complessivamente, rispetto al 2001, si registra un -59% di mortalità per le quattro ruote, -41% per i pedoni, -23% per i ciclisti e -46% per i motociclisti. Siamo comunque ancora piuttosto lontani dagli obiettivi richiesti dal quarto programma quadro europeo 2011-2020.

Con le bici, strade più sicure
Sul fronte delle due ruote, era il 1992 quando ebbe luogo la prima critical mass a San Francisco. Dieci anni dopo sbarcò a Milano e nell’estate di quello stesso anno nella capitale italiana. La manifestazione, che coinvolge centinaia di ciclisti e si dispiega nelle strade ad alta intensità di traffico, è ormai diventata un simbolo attivista della mobilità alternativa. La necessità di ricorrere a mezzi di trasporto ad alto impatto di salute e basso impatto ambientale si sta via via trasformando in un bisogno sociale diffuso. Lo confermano anche i numeri. Calano le immatricolazioni di autovetture rispetto al 2012 (-0,9%) e aumenta l’uso del bike sharing, attivato ormai in 66 dei 116 comuni censiti dal rapporto Aci-Istat. A fronte di una costante crescita della mobilità ciclistica, si assiste a una significativa riduzione della mortalità tra chi va in bici (-14% rispetto al 2012), con il valore più basso di decessi registrato negli ultimi 15 anni (251). Nonostante i miglioramenti, il tasso di coinvolgimento delle due ruote in incidenti su strade urbane ed extraurbane è rimasto fermo al 5%: un dato che, come mette in evidenza la Federazione italiana amici della bicicletta (Fiab), «fa pensare a un effetto autoindotto e non determinato da politiche strutturali».

La sicurezza dei pedoni
Anche il numero di morti tra i pedoni si è ridotto, pur se di poco. Il rischio di infortunio causato da investimento stradale è ancora particolarmente elevato per la popolazione anziana, quella che più spesso si muove a piedi. Come segnala il rapporto Aci-Istat, infatti, le fasce di età più colpite sono quelle di età compresa tra 80 e 84 anni (92 vittime) e tra 75 e 79 anni (1.544 feriti). Nonostante il calo rispetto al 2012, quasi la metà (42%) dei morti in città è un pedone o un ciclista, un terzo dei quali circa perde la vita mentre attraversa sulle strisce. Le politiche di sicurezza urbana e quelle per la tutela di ciclisti, pedoni e motociclisti sono perciò quelle su cui intervenire il prima possibile per diminuire il divario con le altre città europee.

Anche per questo è nata la campagna nazionale “Siamo tutti pedoni”, promossa sotto l'Alto patronato del Presidente della Repubblica da Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil, Osservatorio per l'educazione stradale e la sicurezza della Regione Emilia-Romagna e Centro Antartide. L’iniziativa mira a sensibilizzare i cittadini sulla sicurezza stradale e promuovere un’educazione civica capace di esaltare il valore del camminare per una mobilità più sostenibile, per la salute e per l’ambiente.

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • The Lexicon module will automatically mark terms that have been defined in the lexicon vocabulary with links to their descriptions. If there are certain phrases or sections of text that should be excluded from lexicon marking and linking, use the special markup, [no-lexicon] ... [/no-lexicon]. Additionally, these HTML elements will not be scanned: a, abbr, acronym, code, pre.
CAPTCHA
Sistema anti spam. Compila il form sottostante per dimostrare di non essere uno spambot.
n
O
4
O
a
i
Inserisci il codice riportato SENZA gli spazi.
Vivere in città, Mobilità e trasporti