Palestra? No, grazie: io gioco alla console

I videogame di ultima generazione meglio di pesi e tapis roulant: controllo del movimento, personal trainer dedicato, programmi di esercizio su misura. Tutti a sudare nel salotto di casa, ma facendo attenzione a non farsi male.
28/05/2014
  • Davide Coero Borga
videogame e attività fisica

Immagine: 

foto: Clara Molden; fonte: www.telegraph.co.uk

Gambe. Addominali. Glutei. Spinning, pilates, step. Pesi, vogatore, spalliera. Fitness, cardio fitness, zumba fitness. Non è un mantra, bensì il normale programma di allenamento cui si sottopongono i sempre più numerosi frequentatori di palestre e centri sportivi metropolitani: tutti insieme appassionatamente, a sudare in tutine hi tech. In soccorso delle sopravvissute e dei sopravvissuti alla timidezza, restii allo spogliatoio e al personal trainer, arriva però - a sorpresa - il mondo delle console videogame. Piattaforme di gioco interattive, supporti dotati di rilevatori di movimento, e un istruttore virtuale a schermo che chiede di ripetere scrupolosamente una serie di movimenti. Sembra facile, un gioco da ragazzi. Ma presto si scopre che non è esattamente così.

Dal ballo al tennis, nel salotto di casa
L’ultima generazione di videogiochi può insegnarci tutti i passi hip-hop, r’n’b, dance, latino-americani, che abbiamo sempre invidiato (chi più, chi meno) al principe Emanuele Filiberto di “Ballando con le stelle”, così come alla gilda di snodati cantanti ballerini che interpretano più o meno felicemente il ritmo del momento. Dimenticatevi del joystick e scoprite una moderna palestra per rimettere in moto anche i muscoli che non pensate di avere. Nati come videogiochi per ragazzi, i programmi fitness di Nintendo Wii, Xbox e Kinect stanno diventando un utile alleato contro la sedentarietà.

Fare ginnastica senza uscire di casa. Come in palestra. E anche meglio, a dirla tutta: con telecomandi, strumenti e pedane elettroniche, è possibile giocare una partita a tennis oppure allenarsi in modo divertente, creando un programma di allenamento su misura. I comandi remoti registrano gli spostamenti grazie a un accelerometro e a un sistema di puntamento, l’avatar a monitor ci suggerisce come correggere i movimenti, annotando i progressi e i risultati conseguiti mentre un trainer virtuale ci segue passo passo, rimproverandoci quando lasciamo passare troppo tempo fra un allenamento e un altro.

Giocare è una cosa seria
Gli esercizi sono divisi in categorie: training, yoga, muscoli, aerobica, equilibrio, coordinamento. Ci si può allenare da soli, in mutande o in pigiama, all’ora che si preferisce. Oppure si può trasformare tutto in una sfida con gli amici. Magari non è proprio come andare in palestra, ma di certo non si può dire che si tratti di qualcosa di deprecabile, come si è fatto con gli invasati dei videogiochi tradizionali incollati per ore e ore al divano e ignoranti della crescente obesità infantile.

Il fitness game favorisce l’attività fisica del bambino, sempre che vostro figlio non abbia già scoperto come insistere sugli accelerometri sfruttando i rapidi movimenti del polso e restando comodamente seduto in poltrona. Le nuove funzioni delle console hanno ridefinito il moderno concetto di serious game, sempre più diffuso da alcuni anni a questa parte. E il successo di questo tipo di prodotti ha spinto gli sviluppatori a rivedere e correggere le operazioni di personalizzazione per l’utente. Perché il gioco non è privo di controindicazioni.

Ma occhio agli infortuni
Con il lancio di “Wimbledon Open Champion” su console Wii, infatti, il Regno Unito ha dovuto far fronte a una singolare emergenza sanitaria. Almeno dieci persone alla settimana sono finite in ospedale lamentando dolori atroci alla spalla destra o alle ginocchia. Nessuna epidemia traumatologica, bensì un uso smodato (e sbagliato) delle console. A lanciare l’allarme, dalle colonne del tabloid Sun, sono stati i medici del servizio sanitario britannico costretti a ricoverare pazienti di tutte le età, alle prese con problemi articolari anche gravi, e di varia natura, moltissimi dei quali riconducibili a estenuanti sessioni di gioco a video. Ormai disabituati al movimento, non erano pronti a movimenti improvvisi e torsioni anche violente, per le quali sarebbe stata necessaria un’adeguata preparazione. Risultato: infiammazione della spalla e del polso. E persino le ginocchia non sono uscite immuni dai pericoli del videogioco, tanto che l’umore nero degli inglesi ha voluto codificare l’infiammazione del legamento come caso di “Wii-knee”, proprio in omaggio alla console Nintendo. Giocare con moderazione, insomma.

 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • The Lexicon module will automatically mark terms that have been defined in the lexicon vocabulary with links to their descriptions. If there are certain phrases or sections of text that should be excluded from lexicon marking and linking, use the special markup, [no-lexicon] ... [/no-lexicon]. Additionally, these HTML elements will not be scanned: a, abbr, acronym, code, pre.
CAPTCHA
Sistema anti spam. Compila il form sottostante per dimostrare di non essere uno spambot.
Z
1
n
I
Z
0
Inserisci il codice riportato SENZA gli spazi.
Vivere insieme, Nel tempo libero